Incontro con la scrittrice e poetessa estense Silvia Veronese

Silvia Veronese

Venerdi 7 aprile 2017, alle ore 18 alla Loggetta,  la scrittrice e poetessa estense Silvia Veronese ha presentato il suo libro dal titolo “Com-Moto” . Ha accompagnato l’autrice Roberto Bustreo, mental coach e biker.

CoM-Moto   «… prendiamo la classica brava ragazza, dedita allo studio delle italiche lettere, assuefatta quindi a maneggiare le voci dei poeti per mestiere e per passione; aggiungiamole una vocazione da giramondo, o almeno da gira-Italia; mandiamola poi – scrive Alberto Costantini nell’Introduzione al libro – a rovistare per vent’anni tra le pieghe della cronaca locale, guardiamola litigare con i problemi quotidiani della gente “con i calli alle mani” e ascoltiamola mentre li racconta alla gente; infine mescoliamo il tutto; fatto? Bene. Ora un ultimo tocco: diamole un occhio in più per vedere in movimento quello che per anni ha osservato da ferma. È il ritratto di Silvia com’è oggi. La sua mobile fantasia ha finalmente un degno supporto a cui appoggiarsi nella ricerca della sua realtà: la moto con cui ha iniziato a sfrecciare per le vie meno conosciute della nostra Italia e a guardarsi intorno».  In questo libro, fresco e vivace, che invita al movimento mentre ti sorprendi fermo ad ammirare l’alba o sosti a bordo careggiata dopo aver macinato chilometri e chilometri di insidiose ma affascinanti curve. Poesia e prosa assumono un timbro che le rende così vicine che quasi si confondono, senza che ciò, tuttavia, mai accada. «Le cronache di Silvia sul terremoto – insiste Costantini – sono scritte da una penna di giornalista di razza, che mescola bene descrizione e sentimento, con quel di più di partecipazione personale ed emotiva che li rende particolarmente vivi. E l’amalgama di poesia, narrazione e cronaca ha prodotto questo singolare e affascinante volume, Com-moto, un titolo che suggerisce non solo l’idea di muoversi per vedere cosa c’è al di là, ma anche quella di una rottura col passato e dell’inizio di una nuova vita, o di una nuova arte». «Non ci si aspetti un diario di viaggio. Si cerchi piuttosto – avverte i suoi lettori l’Autrice – di leggere tra queste righe, quanto costruttivo sia sfidare le convenzioni senza pensare che dovete ricavarci qualcosa. Tutto questo l’ho raccolto in moto anche se amo molto camminare … perché in moto è diverso». DeStinAtAri Donne e uomini appassionati della moto e del viaggiare liberi e attenti; quanti amano la poesia e lo stupore; chi non teme di sfidare le convenzioni anche quando questo produce vantaggi o tornaconto; chi sa ascoltare e stare fermo davanti a un tramonto e ad uno sguardo.

Copertina del libro di Silvia Veronese “Com-moto”

Silvia Veronese, giornalista, dopo l’esordio letterario con la silloge poetica “L’eco dell’aria” (Il Prato edizioni), si ripresenta al suo pubblico con il romanzo COM-MOTO (Proget edizioni).  Lavora in direzione provinciale CNA a Padova da tredici anni come responsabile ufficio stampa, gestendo e organizzando tutta la comunicazione e promozione dei servizi del sistema CNA. Si occupa di formazione alle imprese come coach aziendale, occupandosi del futuro delle imprese. Il suo punto di forza è lo storytelling.  Gli studi umanistici (laurea in stilistica e metrica italiana con il professor Fernando Bandini, poeta illustre), il lavoro di giornalista (Difesa del popolo, Gazzettino, Mattino di Padova e altri periodici culturali) l’hanno accompagnata in tutta la sua carriera professionale non solo della carta stampata, ma anche di radio e tv.
Mamma di Edoardo Rocchetto (17 anni), nonostante il lavoro assorba moltissime delle sue energie, riesce a coniugare impegni professionali con la diffusione della cultura (attraverso le presentazioni del suo libro o i seminari letterari cui è chiamata a rispondere) e dell’amore per la lettura.  “Leggere allunga la vita e ci fa restare giovani”. Concetto che ribadisce sempre e che le conferisce  un nuovo ruolo sociale di paladina, soprattutto tra le giovani generazioni, della diffusione della cultura e della buona lettura.  Da tre anni frequenta laboratori di teatro. Presta la voce in lavori di doppiaggio per pubblicità o documentari.

Articolo di Silvia Veronese sulla sua passione per le moto. silvia