La scrittrice Sara Rattaro incontra gli studenti del Duca e del Liceo

Sara Rattaro a Monselice

IL CORAGGIO DI ESSERE SE STESSI: LA SCRITTRICE SARA RATTARO INCONTRA GLI STUDENTI IN LOGGETTA SABATO 23 MARZO 2019

Un invito a essere se stessi e ad avere la forza di inseguire i propri sogni. Nella mattinata di sabato 23 marzo presso Palazzo della Loggetta un centinaio di studenti del Cattaneo e del Duca d’Aosta hanno incontrato, divisi in due turni, la scrittrice genovese Sara Rattaro. L’autrice, intervistata dal giornalista Marcello Bardini, ha presentato i suoi due romanzi per ragazzi, Il cacciatore di sogni e Sentirai parlare di me, editi da Mondadori. Ad accomunarli è il fatto che entrambi nascono dall’esigenza di portare il pubblico giovane a conoscenza di due storie che meritavano di essere raccontate.

La prima è quella di Albert Sabin, nato in Polonia a inizio Novecento e poi, essendo di religione ebraica, costretto a trasferirsi negli Stati Uniti. Sabin, scienziato, ebbe il grande merito di scoprire il vaccino per una patologia allora molto diffusa e pericolosa, la poliomelite, rinunciando a brevettarlo per far sì che potesse essere accessibile a tutti in modo gratuito.

 

 

La seconda riguarda Nellie Bly, la prima donna ad aver intrapreso a fine Ottocento il mestiere di giornalista investigativa. Bly firmò numerose inchieste: per una di queste si finse pazza e si fece rinchiudere in manicomio, descrivendo le terribili condizioni di vita di coloro che venivano rinchiuse in simili strutture e spingendo quindi la politica a cambiare la legislazione in materia. In entrambe le storie si ritrovano ingiustizie e discriminazioni, ma emergono soprattutto valori positivi come altruismo, determinazione e coraggio di proseguire per la propria strada. A proposito di discriminazioni, Rattaro ha sottolineato come i programmi scolastici escludano lo studio di donne importanti per la nostra letteratura, tra cui il premio Nobel 1926 Grazia Deledda. Ha poi lanciato un monito ai ragazzi: le disuguaglianze di genere, ancora oggi presenti ad esempio nel lavoro, sono un problema di tutti, pure degli uomini.

I temi affrontati, lo stile fresco e vivace dell’autrice, la sua disponibilità, sono stati molto apprezzati da studenti e insegnanti, che nel corso della mattinata sono intervenuti con diverse domande. Rattaro, laureata in Biologia e in Scienze della Comunicazione, ha confessato di aver impiegato ben sette anni a ottenere il sì di un editore. Anche la sua storia personale, quindi, rappresenta la testimonianza di come per essere se stessi e provare a realizzarsi sia fondamentale non arrendersi alle difficoltà: «Diffidate di un successo che arriva senza fatica o di un sogno che non vi spaventa».

Sara Rattaro è nata a Genova. Laureata in Biologia e in Scienze della Comunicazione, ha lavorato come informatore farmaceutico prima di dedicarsi completamente alla scrittura. È autrice di diversi romanzi: Sulla sedia sbagliata, Un uso qualunque di te, Non volare via (Premio Città di Rieti 2014), Niente è come te (Premio Bancarella 2015), Splendi più che puoi (Premio Rapallo Carige 2016), L’amore addosso, Uomini che restano (Premio Cimitile 2018), Andiamo a vedere il giorno (Sperling & Kupfer 2018) e Il cacciatore di sogni, il suo primo libro per ragazzi. Ha curato la raccolta di racconti La vita vista da qui (Morellini 2018). È docente di Scrittura creativa presso l’Università degli studi di Genova.

Gruppo lettori della biblioteca in FB

Gruppo lettori della biblioteca in FB