“San Cosma: Il gioco del silenzio”: il 25 aprile la presentazione del cortometraggio che ricorda la duplice tragedia del 1945

Commemorazione delle giovani vittime del 1945 a San Cosma di Monselice

Sarà un 25 aprile di particolare importanza per Monselice e per la frazione di San Cosma. In occasione della festa della Liberazione, quest’anno verrà presentato il cortometraggio “San Cosma – Il gioco del silenzio”, ispirato a due tragici episodi che sul finire della Seconda Guerra Mondiale scossero profondamente questa comunità. Nell’ottobre 1944, per fermare l’avanzata delle forze anglo-americane, i Tedeschi avevano costruito una serie di sbarramenti tra Cavarzere e i Colli Euganei, ammassando nel monselicense una grande quantità di munizioni. Le sorti del conflitto, però, andarono diversamente e il materiale non fu utilizzato. Dopo la ritirata dei nazisti, a San Cosma le granate e i proiettili abbandonati vennero spostati all’interno della scuola elementare.

I ragazzi del paese, però, riuscivano a entrare attraverso una finestrella sul retro e a portare via gli ordigni. Il loro pericoloso passatempo consisteva nel togliere la spoletta e far brillare la bomba, come fosse un rudimentale fuoco d’artificio. Il dramma si compì il 5 maggio 1945 quando, a mezzogiorno, si udì un forte boato provenire da dietro la scuola. Lo scoppio improvviso di alcune munizioni provocò la morte di Sergio Sturaro e Franco Greggio, entrambi di 10 anni. Altri due bambini rimasero feriti: Beppino Sturaro e Idelmino Biondi. L’incidente si ripetè pochi mesi più tardi, la mattina del 7 ottobre, al termine della messa del Fanciullo. L’esplosione di un proiettile spense Mario Girotto, 12 anni, e Silvio Carturan, 17. Anche in questo caso ci furono due feriti: Lucia e Luciano Tressoldi.

Giovedì 25 aprile il ritrovo è alle ore 10 in piazzale Vittoria, di fronte al municipio. Dopo il rito dell’alzabandiera e la deposizione delle corone d’alloro al monumento dei caduti, alle 10,30 ci si trasferirà a San Cosma. Qui, nel cortile della scuola primaria “Daniele Manin”, si terrà la benedizione della lapide dedicata alle “Giovani Vittime Innocenti della II Guerra Mondiale”. La cerimonia proseguirà nella chiesa della frazione con i saluti del parroco don Aldo Manfrin, il discorso del sindaco Francesco Lunghi e la proiezione del cortometraggio, introdotto dai registi Alessandra Gonnella e Diego Loreggian. Un momento significativo per i cittadini di San Cosma, che un anno fa con oltre duecento firme raccolte avevano chiesto un’iniziativa per ricordare le quattro giovanissime vite spezzate da un gioco imprudente e dagli strascichi di un conflitto crudele.

PROGRAMMA  ORE 10.30 SAN COSMA

  • Ritrovo al parcheggio “Papa Luciani”
  • Sfilata verso il cortile della Scuola Primaria “Daniele Manin”
  • Scoprimento e benedizione della Lapide commemorativa dedicata alle “Giovani Vittime Innocenti della II Guerra Mondiale”
  • Sfilata verso la Chiesa dei “SS. Cosma e Damiano martiri”
  • Saluti del Parroco Don Aldo Manfrin e discorso del Sindaco Francesco Lunghi
  • Introduzione dei registi Alessandra Gonnella e Diego Loreggian autori del Cortometraggio “San Cosma – Il gioco del silenzio”
  • Proiezione del cortometraggio;
  • Con la partecipazione della Banda ‘Città di Monselice’ e del Gruppo Majorettes;

Gruppo lettori della biblioteca in FB

Gruppo lettori della biblioteca in FB